Home » DSTAR » D-Star Roma (forse) in pensione ?

D-Star Roma (forse) in pensione ?

Era la metà del mese di gennaio del 2007, quando veniva attivato il primo ripetitore D-Star in Italia e quasi in Europa….al tempo il D-Star era davvero l’ultima frontiera.   Dapprima IR0UAC a Monteporzio Catone, poi nel 2008 divenne IR0MA da Monte Cavo….quanto tempo è passato da allora.   Per altro, fu il primo sistema con tutte e 4 le frequenze, 144, 430, 1200 Mhz fonia e 1200 Mhz dati.   A fine mese di gennaio venne collegato al server di ICOM in Texas….mi ricordo una telefonata lunga più di un’ora con K5TIT e il nostro Vito IW0GAC per portare a termine la configurazione del nostro computer….una piccola odissea.

Ma, alla fine, il primo D-Star prendeva il largo.

Oggi, questo racconto fa ridere;   chiunque è in grado di collegare un sistema D-Star, la procedura è totalmente automatica.    Noi cominciammo a sudare camicie solo per capire come si programmassero le frequenze …..

Per questo, tengo a sottolineare, fondamentale è stato il supporto straordinario di ICOM Japan, la quale mi concesse un breafing tecnico di un giorno intero in Giappone (Osaka e Nara) nel mese di Maggio del 2006.   Il Presidente in persona alla fine della giornata tecnica mi informò che aveva disposto il comodato d’uso di un sistema completo per Roma !

DVC00033

Parallelamente, vanno ricordati e ringraziati i due rivenditori ICOM di Roma, che ufficializzarono la consegna degli apparati, la due ditte Hobby Radio e Mas-Car.

Ebbene, dopo 10 anni di onorato servizio, il ripetitore di Roma IR0MA viene disattivato.

Sarebbe arduo scrivere sulle ragioni di questa decisione;   tante sono le motivazioni, alcune meno importanti, altre più concrete.

Per riassumere lo stato d’animo di chi per primo ha creduto nel D-Star, dico solamente che tenere acceso un impianto del genere non è cosa facile, specie a Roma, dove le postazioni sono molto difficili da raggiungere, da mantenere, da raggiungere con collegamenti WI-Fi per le varie connessioni.    Immaginate solamente che nei dieci anni di attività, i danni da temporali hanno distrutto solamente una decina di computer, altrettanti impianti wi-fi e diversi alimentatori.

Agli apparati (per fortuna) mai un solo danno !

Anche le dimensioni dell’impianto sono ragguardevoli:   pochi siti possono mettere a disposizione per i radioamatori un armadio rack da 42 unità,  alto due metri !

Per tutti noi dunque una giornata amara quella odierna, nella quale abbiamo deciso di smontare il nostro D-Star.

Adesso abbiamo l’estate di fonte;   chissà mai che a Settembre, si decida di riprendere qualche esperienza, magari a scartamento ridotto.   Già un paio di mesi fa abbiamo deciso di spegnere l’unità VHF, perché non ci sono frequenze libere su Roma.

Un ringraziamento a tutti ed un avviso per chi è registrato sul gateway di Roma, di non preoccuparsi, dal momento che i dati di registrazione verranno sempre gestiti dal server centrale, senza nessun problema.

Da parte mia, un grande ringraziamento a tutti gli amici che si sono dedicati al D-Star, con passione, volontà, ardore, magari anche con semplici lavori manuali di aiuto….. a tutti, sempre grazie.

Luca Ferrara IK0YYY.

 

 

Condividi:

Lascia un commento

Facebook
Facebook

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza "cookie tecnici" per fonirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Clicca su accetta per continuare a utilizzare questo sito. Questo messaggio, viene visualizzato sulla base della DELIBERA 19 marzo 2015 - Linee guida in materia di trattamento di dati personali per profilazione on line. (Delibera n. 161). (15A03333) (GU Serie Generale n.103 del 6-5-2015) Per informazioni: http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2015/05/06/15A03333/sg Cosa sono i Cookie? http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3585077

Chiudi